venerdì 3 dicembre 2010

RESOCONTO DI UN 25° ANNIVERSARIO SUIGENERIS



Dopo aver preso tutte le ricette e gli ultimi consigli per le varie preparazioni, ho predisposto la lista della spesa e via come Speedy Gonzales alla volta dei vari negozi, accompagnata da mio figlio minore e mio marito. Erano più o meno le 12,45. Prima tappa dal ferramenta per comperare un avvolgiserranda che mi si era rotto in cucina. Seconda tappa, ho accompagnato mio marito dal parrucchiere. Terza tappa fruttivendola, macelleria e panificio, in questa occasione, dopo aver acquistato il pane, nella fretta, rientrando in macchina, prima disavventura: la portiera dell’autovettura si è chiusa sola, mentre mi stavo sedendo, ma ancora non mi ero seduta completamente, mi ha dato una forte botta in faccia, sul naso e di rimbalzo ho sbattuto la testa sul tetto della stessa, precisamente sul bordo nel punto dove si poggia la portiera. Sono rimasta seduta, stordita per pochi secondi, il naso era diventato una patata rossa, stile Mastro Ciliegia e dietro la testa iniziava a spuntare il primo bernoccolo. Ma non mi potevo fermare e via al centro commerciale per prendere le altre cose mancanti, facciamo tutte le compere, tranne i confetti argentati che non sono riuscita a trovare, alle 14,45 avevo avevo finito, siamo andati a prendere mio marito, siamo passati dallo studio per recuperare il portatile di mio figlio che aveva lasciato a scaricare delle cose e via a casa. Erano le 15,30. Scaricata l’enorme spesa dalla macchina, senza neanche pranzare, ho preparato solo dei panini per figli e marito, mi sono andata a cambiare per mettere vestiti comodi per cucinare. Seconda disavventura: Ho sbattuto la testa nella zona frontale destra ad uno spigolo di finestra, il secondo bernoccolo era in formazione. Stordita, nuovamente, sono, finalmente, arrivata in cucina, pronta per avviare le prime preparazioni. Predispongo l’impasto del babà che doveva lievitare almeno due volte, cucino la pasta sfoglia per la torta, nel frattempo taglio a fette e metto sotto sale le melanzane e le zucchine che dovevo arrostire e friggere. Appena il babà ha raggiunto la prima lievitazione lo ho messo nello stampo per la seconda lievitazione. Ho preparato un pan di spagna ed ho pulito i broccoli di rapa e le scarole per le focacce con le verdure. Ho cucinato i broccoli di rapa alla Calabrese, con aglio, olio e peperoncino. Mentre la scarola con aglio, olio, acciughe ed olive nere. Ho cucinato il sughetto di pomodoro per la pasta con le melanzane. Poi ho preparato l’impasto per le focacce che doveva lievitare. Ho preparato la crema per il dolce. Ho cucinato il babà che nel frattempo aveva raggiunto la seconda lievitazione ed ho preparato lo sciroppo al rum e buccia di limone per lo stesso. Mentre il babà coceva sono andata a terminare i quadri che erano ormai pronti per i ritocchi finali, li ho appesi alla parete ed ho conservato il cavalletto, i colori ed i pennelli. Appena il babà era pronto lo ho sformato e inserito in una ciotola dove ho iniziato ad irrorarlo con lo sciroppo. Ma c’era qualche cosa che non andava, all’orizzonte iniziano ad arrivare i sintomi dell’influenza: mal di gola, raffreddore e tosse, con sensazione di febbre. Erano le 3 di notte, quindi tachipirina e letto. La mattina dopo i sintomi erano inequivocabili, ma oramai era una sfida con me stessa, di conseguenza tachipirina e via. Ho aperto l’enorme tavolo del salone e lo messo infondo poggiato su di una parete, una grandissima tovaglia bianca, per poter poggiare tutto quanto man mano che erano pronte le varie pietanze. Preparo le focacce di verdura e le cucino, metto in forno le melanzane bucherellate per la crema di melanzane indicata da Tizi per gli antipasti. Griglio le melanzane, le zucchine, taglio i peperoni che avevo precedentemente arrostito e li condisco: i peperoni con aglio, sale olio e prezzemolo, le melanzane e le zucchine con aglio, olio, aceto e menta fresca appena raccolta in giardino. Quando sono andata in giardino per prendere la menta, mi sono accorta che le galline di mio figlio erano libere, di conseguenza volevo chiuderle, in quell’occasione, terza disavventura: sono inciampata e caduta come un sacco di patate ed ho sbattuto la testa ad un irrigatore, e mi sono fatta male ad una mano e ad un piede, il terzo bernoccolo era in arrivo!!!!!! Raccolgo nuovamente la menta che nell’occasione mi era caduta. Torno dentro e preparo il sugo con la zucca stufata per la pasta con zucca, spec e scamorza affumicata indicata da Tizi. Cucino i due tipi di pasta al dente, purtroppo non avevo trovato gli anelletti ed ho dovuto ripiegare su farfalline per i timballini alla zucca ed un altro formato, di cui non so il nome, per quelli con le melanzane. Olio gli stampini per i timballini e ci metto il pane grattugiato, friggo le melanzane da adagiare sulla base dei timballini. Le parti di fetta delle melanzane esterne le ho tagliate a julienne e le ho fritte per aggiungerle al sugo. Preparo i timballini e li posiziono su due teglie da forno per cucinarli all’ultimo momento. Preparo la torta di cui parlerò nel topic a lei dedicato. Lavo e taglio le verdure per il pinzimonio. Preparo le salsine per lo stesso. Metto nei piatti tutti i vari sott’olio. E poi ho dovuto, purtroppo, tralasciare la preparazione delle barchette e dei bignè (Ghianda e Polly) che con il tempo non sarei riuscita a fare, aimè! Ci saranno altre occasioni. Ho continuato ad irrorare il babà fino a quando non ha assorbito tutto lo sciroppo e lo ho posizionato sul piatto di portata. Ho pulito tutta la cucina, che, credetemi, era un campo di battaglia, doveva sembrare che nessuno vi avesse cucinato nulla. Ultima pulita del bagno, rifiniture della sala, composizioni floreali ecc. Ho acceso il caminetto, mio marito ha acceso la stufa a pellet. Alle 5 era tutto pronto ed io ero distrutta. Allora altra tachipirina e via a letto. Due ore di riposo doccia taier ed ero pronta pure io. Verso le 20,30 arrivano i primi invitati. Il buffet era venuto benissimo, metto i timballini nel forno. In quel momento arriva mio figlio maggiore che avevo incaricato di trovarmi i confetti argentati, che non ha trovato, ma, in compenso, mi ha portato un bellissimo mazzo di rose rosa che mi hanno lasciata di stucco. Tolgo i timballini dal forno oramai gratinati, ma non sono riuscita a sformarli, di conseguenza li ho portati così con i pirottini.

Tutto era buonissimo. La crema di melanzane (Tizi) per i crostini degli antipasti delicatissima. I timballini di pasta con le melanzane (Pannocchia), favolosi. I timballini con la zucca (Tizi), sono stati una vera sorpresa. Il pinzimonio ( Bettina), ha conferito un tocco di colore e freschezza. Il babà (Ultra Marzia), oltre che buonissimo, molto coreografico. Se sono riuscita in questa mission impossibile devo ringraziare tutti voi. In passato avrei fatto ricerche cartacee su libri e riviste, sola e senza alcun consiglio. Grazie al Gambero Rosso forum ho avuto una collaborazione, di alto livello, totale, passo passo, nella scelta di tutto. Qualunque parola non sarà mai abbastanza per dimostrare la mia gratitudine. Siete stati impareggiabili. Ciao
M.G.

6 commenti:

  1. 25 anni!!!!perbacco! se ogni 25 anni ti devi fa 3 bernoccoli.. :-D skerzo! augurissimi! speddy gonzales peggio di me quando c'è da preparare buffet!! poi arrivi in ultimo ti devi fare una doccia e incominciano ad arrivare.. a me capita sempre! va be! alla fine ottimo risultato direi!

    RispondiElimina
  2. Certo è che se ci incaponiamo è una rovina. Io, purtroppo, sono fatta così. Non volevo che il mio 25° anniversario di matrimonio fosse come tutti gli altri. Volevo fare tutto io, ci sono riuscita ed era tutto buonissimo, anche grazie ai consigli ricevuti dai forumisti del GR Forum. Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  3. Arrivata a meta' pagina sono svenuta, cioe' mettendomi al tuo posto sarei morta al secondo bernoccolo! Nella mia vita gia' il primo bernoccolo mi avrebbe detto stop. . .

    RispondiElimina
  4. @ Chamki: Sai, sono molto testarda, quando decido di fare una cosa lotto fino al limite delle mie forze per riuscire a portarla a termine. Se non avessi scritto qualche giorno dopo questo resoconto non avrei ricordato tutti quei dettagli. Rileggendo mi rendo conto di quanto siano stati veramente paradossali alcuni episodi. E scoppio dal ridere perchè ho vissuto situazioni stile "Paperissima". Grazie della gradita visita, ciao
    M.G.

    RispondiElimina
  5. Spero che il 26° anniversario sia passato senza bernoccoli!!!!!!!

    Comunque complimenti, sei stata GRANDE!
    A presto

    RispondiElimina
  6. @ miracucina:
    Ciao cara, oramai siamo giunti al 28° anniversario di matrimonio, se devo dirti la verità quello è stato l'unico che ho festeggiato con la riunione di tutti i familiari, gli altri sono stati solo personali e, fortunatamente, senza bernoccoli! Grazie per la visita e per il delizioso e graditissimo commento, baci, baci
    M.G.

    RispondiElimina