domenica 31 marzo 2013

Pinza triestina e Buona Pasqua

Nell'augurare a tutti una Buona Pasqua inserisco un'antica ricetta triestina. Mi è stata data dalla carissima Laura del blog "Il ristorante della mamma" che ringrazio e saluto con molto affetto. Ricordo che mia madre le preparava durante la settimana santa, ne faceva tantissime ed erano buonissime. Lei non aveva scritto nella ricetta il procedimento, avevo solo gli ingredienti ed ogni volta che provavo a farle non avevo il risultato sperato. La livitazione non mi entusiasmava! Così ho contattato la carissima e disponibile Laura, signora triestina, immediatamente mi ha spiegato ed inviato la sua antica e deliziosa ricetta di famiglia che condivido con tutti voi:



Pinza triestina

Pinza triestina (ricetta di Laura)

"Ingredianti

1 kg. di farina 00 ma leggera

120 gr. di lievito

200 gr. di zucchero

150 gr. di burro

6 tuorli

2 interi

50 gr. di sale

1/8 e 1/2 di latte quanto basta

 buccia d'arancia  e buccia di limone

3 cucchiai di rum 

1 fialetta di vaniglia

1 uovo per lucidare





Preparazione:

Prima lievitata: 100 gr. di farina, il lievito un cucchiaio di zucchero. Sciogliere  il lievito in un po' di latte tiepido,  aggiungere lo zucchero la farina e formare una pastella morbida, coprirla con un tovagliolo e lasciarla lievitare.

Deve raddoppiare!!

Quando è raddoppiato si passa alla

Seconda lievitata: aggiungere alla prima,  incorporando un po' per volta alternandoli, sempre mescolandoli 300 gr.di farina, 100 gr.di zucchero, 50 grammi di burro fuso, 2 tuorli e un un uovo intero. 

Amalgamare tutto per bene, ricoprire  la terrina con una salvietta infarinata e lasciare lievitare in caldo per almeno 2 ore.

Per la terza lievitata: aggiungere un po' alla volta come prima, altri 300 gr. di farina, 100 gr. di zucchero, 50 gr. di burro fuso, 2 tuorli e uno intero come sopra, amalgamare bene e lasciare di nuovo a lievitare, aspettando di nuovo il radoppio sempre coperto.

Quarta lievitata: aggiungere gli ingredienti rimasti la pasta deve essere morbida se c'è bisogno aggiungete latte tiepido quanto basta.

Lavoratela  almeno un'ora, all'inizio potrà essere appiccicosa ma alla fine della lavorazionesarà tenera e elastica.

 Potete lavorarla anche con la planetaria allora basterà molto meno tempo!

Dividete in due panetti tondi e metteteli su carta da forno unta di burro e fateli lievitare di nuovo coperti e al caldo.

Quando saranno raddoppiati dorateli con l'uovo sbattuto e, con le forbici, praticare dall'orlo verso il centro tre tagli profondi tre centimetri si formerà una stella con tre punte.

Mettetele una per volta in forno caldo 180 ° per circa 40/45 minuti".

Ciao a tutti
M.G. 



14 commenti:

  1. che bello imparare sempre ricette nuove e tradizionali l'aspetto è invitante nuova follower se ti va unisciti ai miei blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeeeeee, scusa se rispondo solo ora, ultimamente sono stata un pochino latitante, buon fine settimana
      M.G.

      Elimina
  2. ogni regione ha le sue ricette e questa mi sembra molto invitante....Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivana, sei un tesoro, baci
      M.G.

      Elimina
  3. davvero una ricetta molto interesante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, Buon fine settimana
      M.G.

      Elimina
  4. Sei stata bravissima,perchè so la difficoltà . devi essere molto orgogliosa di questa risultato.
    Timando un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooooooooooo Laura, con una grande insegnante come te non potevo sbagliare. Grazie per la ricetta, baci, baci
      M.G.

      Elimina
  5. Deliziosa Picetto, complimenti!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao, grazie della visita e che bello ritrovarsi....il tempo vola e purtroppo basta un niente per perdere il contatto, ma poi è ancora più emozionante reincontrarsi!!!
    Mi piacciono questi scambi di ricette tra regioni, quante cose si possono imparare.....ti è venuta benissimo!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graaaaaaaaaaaazie, è sempre bello ritrovarsi, baci, baci
      M.G.

      Elimina
  7. sono molto felice di trovare qui da te una ricetta Triestina,è riuscita benissimo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si dal lontano nord al profondo sud! Grazie per la visita, baci
      M.G.

      Elimina