venerdì 4 marzo 2011

Gnocchi e Kipferl di patate


 
Con gli gnocchi si fa sempre felice la famiglia, piacciono a tutti. Quando li preparo ne faccio sempre in abbondanza perché una parte la utilizzo per fare quelli che mia mamma chiamava kipferl di patate, ossia gli gnocchi fritti (mio figlio minore è capace di mangiarne una ciotola piena da solo) ottimi per accompagnare arrosti, stufati, selvaggina ecc.



Non ho dosi specifiche da inserire perché li faccio ad occhio. Ritengo importantissima la qualità delle patate (quelle acquose prendono troppa farina e, spesso, rendono gli gnocchi impossibili da fare, addirittura, quando ero totalmente inesperta, per aver utilizzato le patate sbagliate ho dovuto buttare tutto nella spazzatura. Gli gnocchi prendevano una quantità infinita di farina e quando li cuocevo si disfavano nell'acqua. Sbagliando si impara!). Io uso la patata rossa silana che è l’ideale per la preparazione di gnocchi, crocchette di patate, cullurielli http://picetto.blogspot.com/2010/12/cullurielli-di-calabria.html ecc., infatti è una patata molto asciutta e non richiede l’aggiunta di tanta farina. Generalmente, metto a bollire circa 20 patate medio/grandi. Quando sono cotte le scolo molto bene ed, ancora calde, metto un pochino di farina sulla spianatoia, sbuccio e schiaccio con l’apposito attrezzo le patate direttamente sulla farina e le lascio raffreddare. Successivamente aggiungo altra farina, un uovo ed un pizzico di sale. Aggiungo tanta farina quanta ne prende l’impasto che non dev’essere duro. Successivamente una parte dell’impasto lo utilizzo per fare gli gnocchi con la loro forma specifica e l’altra parte la uso per i kipferl che poi friggerò, tagliando a piccoli tocchetti senza alcuna forma sebbene andrebbero fatti a  mezza luna. Gli gnocchi si possono condire con il sugo di pomodoro semplice, come nell’immagine che ho aggiunto,  o con il sugo dell’arrosto o con il sugo della selvaggina (fagiano, cinghiale ecc.) come spesso li faceva mia madre che non potrò mai pareggiare nella preparazione della stessa.  








  

14 commenti:

  1. io sono una frana a fare gnocchi e i kipferi non li avevo mai sentiti prima, ma essendo fritti saranno di certo una bonta'. Ciao!

    RispondiElimina
  2. Bellissimi questi gnocchi, sono perfetti bravissima!!! Ciao, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. ciao picetto, che belli questi gnocchi, mi e' venuta una fameeee!! baci felice W.E. !!

    RispondiElimina
  4. Favolosi adoro gli gnocchi belli e buoni bravissima
    Buon fine settimana
    Anna

    RispondiElimina
  5. Ma che meraviglia, bravissima Picetto!!!!!

    RispondiElimina
  6. Bravissima!!!! Adoro i gnocchi, ma quelli fritti non li ho mai mangiati.
    Grazie per tutte le cose carine che mi hai scritto.....nel mio blog c'è un premio per te!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  7. grazie picetto per l'inserimento del mio banner, sei stata molto gentile, fammi sapere se hai un banner che ricambio con piacere .
    tra pochi giorni inseriro' sul mio blog orologini, calendari etc. se ti piacera' qualcuno potrai inserirlo, mi fara' molto piacere!! un abbraccio ti auguro un felice weekend!!

    RispondiElimina
  8. Buoni i gnocchi e anche i kipfel, li hai fatti come dolce alla triestina? se non hai la ricetta uno di questi giorni li posto nel mio blog...
    Ciao cara buona settimana

    RispondiElimina
  9. che bontà io amo gli gnocchi
    e quelli fritti se non sbaglio
    dalle mie parti si ricoprono di miele
    bacioni katya

    RispondiElimina
  10. Amo gli gnocchi.....conditi in ogni modo.....bravissima un bacino e auguri per domani la stefy

    RispondiElimina
  11. Gli gnocchi rendono davvero tutti felici, e poi con le nostre patate silane, lo sono ancora di più.
    La versione fritta non la conoscevo, mi sa che dovrò provere! Bravissima!:)))
    un bacione, Raffa

    RispondiElimina
  12. @ Chamki: Ciao cara, è sempre un piacere ritrovarti, non posso credere che tu, così brava, sia una frana con gli gnocchi. Un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Sar@: Bentrovata, anche se in ritardo ti auguro, a questo punto, una buona settimana e grazie per essere passata da me, baci
    M.G.

    @ Nanussa: grazie per la visita, per me è stato un piacere inserire il tuo banne, non ho un mio banne, sono molto inesperta con il blog, ho appena cominciato, anzi, accetto ogni tuo prezioso consiglio, un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Ranapazza 65: Grazie per essere passata, in ritardo ti auguro una buona settimana, bacioni
    M.G.

    @ Speedy 70: Grazie, grazie, grazie, un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Laura: Ciao cara, i tuoi gatti sono FAVOLOSIIIII non posso non evidenziarlo, non ho trovato il premio che tu dici, sono una frana in queste cose, in ogni caso ti ringrazio infinitamente, baci
    M.G.

    @ Alma: Bentrovataaaaa, forse ti ho anticipata io dal profondo Sud con una ricetta Triestina, guarda se vanno bene o se la tua ricetta è tanto diversa: http://picetto.blogspot.com/2010/12/normal-0-14-false-false-false-it-x-none.html
    Quella da me inserita era della mia bisnonna Finy, un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Dolci acque e terre bianche: Ciao Katya, è un piacere ritrovarti, non avevo mai sentito della variante con il miele, in cucina non si finisce mai di imparare, un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Stefy: Ciao mia cara, grazie per i complimenti, un saluto affettuoso
    M.G.

    @ Raffaella: E si, le nostre patate silane sono veramente speciali, pensa che una volta ho utilizzato delle patate diverse e gli gnocchi sono finiti nella spazzatura, la farina non bastava mai e quando li ho cucinati si sono spappolati. La patata in questa ricetta è fondamentale. Quando li prepari prova a friggerne una piccola parte e vedrai che piaceranno a tutti. Particolarmente ai più piccini. Un saluto affettuoso da una tua concittadina
    M.G.

    RispondiElimina
  13. COMPLIMENTI PER IL TUO BLOG,E PIACERE DI CONOSCERTI!!!
    GLI GNOCCHI E' UN PIATTO CHE PREPARO SPESSO E COME DICI TU E' SEMPRE BENE ACCETTO,MA FRITTO MAI!!!!!
    PROVERO'!!!!!!
    BUONA CUCINA

    RispondiElimina
  14. @ Graal77: Il piacere di conoscerti è anche mio, grazie per essere diventata una nuova lettrice. Provali a friggere in abbondante olio di semi di arachidi o d'oliva, scolali bene con una schiumarola e mettili nello scolapasta, salali e falli provare ai tuoi cari, vedrai che piaceranno a tutti. Ciao
    M.G.

    RispondiElimina